La Rinoplastica a Bergamo, Varese, Cremona e Alba è uno degli interventi più conosciuti nell’ambito della chirurgia estetica, nonché uno dei più effettuati e, per questo, esistono diverse tecniche per eseguirlo, a seconda dei casi e del chirurgo.
L’operazione consiste nel rimodellamento del naso per eliminare inestetismi e/o migliorare condizioni di respirazione dovute, ad esempio, a turbinanti ostruiti o deviazioni del setto nasale. E’ un intervento molto richiesto perché agisce su uno dei punti più in vista del nostro corpo, capaci di modificare radicalmente il nostro aspetto esteriore.

Gli interventi rinoplastica

La chirurgia estetica al naso si divide in quattro tipi:

Il Dott. Orlandi sarà lieto di riceverti nei suoi studi di Bergamo, Varese, Cremona e Alba per un consulto ed una valutazione sul tipo di operazione al naso più adatta alle tue esigenze.

Rinoplastica Aperta

La rinoplastica aperta è la tecnica più complessa, ma in grado di offrire i risultati migliori. E’ un intervento in cui il naso del paziente viene aperto, per cui il chirurgo può operare liberamente sulla cartilagine senza danneggiarla. Proprio per questa caratteristica è inoltre l’unico dei quattro tipi di intervento ad essere reversibile, quindi a dare la possibilità al chirurgo di valutare diverse forme prima di dare quella definitiva.
Il principale difetto di questo intervento è la piccola cicatrice esterna che lascia alla base del naso, dove parte l’incisione e, per questo, viene eseguita principalmente per interventi di piccola entità, come il sollevamento della punta o comunque interventi dove non è richiesta la modellazione dell’intera piramide nasale.


Rinoplastica Chiusa

E’ l’intervento classico di rinoplastica, in cui il chirurgo applica delle piccoli incisioni all’interno del naso per modificare la struttura ossea e/o cartilaginea. Si parla di rinoplastica chiusa distruttiva quando queste vengono incise o micro-fratturate per intervenire su grandi modifiche, mentre la rinoplastica chiusa non distruttiva riguarda solo la parte cartilaginea, modificata attraverso dei punti di sutura. Il vantaggio principale di questo tipo di intervento è la totale assenza di cicatrici esterne, a fronte tuttavia di una minor precisione rispetto alla rinoplastica aperta. Per questo viene utilizzata per gli interventi più grandi, in cui è necessario modificare la piramide nasale.
 

Rinoplastica non distruttiva

Come accennato prima, la rinoplastica chiusa non distruttiva, o più semplicemente rinoplastica non distruttiva, è un intervento in cui è possibile applicare delle piccole modifiche alla forma del naso attraverso l’applicazione di punti di sutura nella struttura cartilaginea. Il principale vantaggio di questa tecnica è il poter intervenire più volte, in maniera graduale, sul paziente, per correggere la forma del naso col passare del tempo e lasciando il giusto tempo di assestamento. L’intervento è inoltre reversibile e diventa quindi molto facile tornare indietro dopo correzioni indesiderate.
 

Rinosettoplastica

E’ l’unico degli interventi di rinoplastica che unisce terapia a estetica. Si tratta di un intervento di rinoplastica chiusa distruttiva in cui viene modificato anche il setto nasale, per risolvere problemi di respirazione derivati, ad esempio, da deviazioni del setto o da ipertrofia dei turbinanti. In questo caso si praticano incisioni alla cartilagine e fratture alla parte ossea del naso per lavorare in maniera più profonda sul paziente. Questo intervento viene effettuato generalmente solo per risolvere problemi funzionali insieme a quelli estetici e, come per la rinoplastica chiusa, risulta definitivo e non reversibile.

L’intervento di rinoplastica differisce molto dal tipo di tecnica utilizzata. In caso di rinoplastica non distruttiva è relativa breve e si può praticare anche in anestesia locale. In caso di rinoplastica aperta o distruttiva si rende necessaria invece l’anestesia generale. Non è un intervento complicato e ha una durata breve. Più lungo è invece il decorso post-operatorio, poiché possono verificarsi dolori anche forti e mal di testa, da non curare assolutamente con aspirina o medicinali a base di acido acetilsalicilico.

 

Il post-operatorio della rinoplastica

Dopo l’intervento il naso tende a gonfiarsi, così come tutta l’area circostante, per cui è buona norma utilizzare ghiaccio e mantenere sempre la testa in alto onde evitare l’accumulo di sangue. I primi giorni è necessario assumere i cibi in forma liquida e freddi. E’ assolutamente vietato masticare nelle prime 12 ore. Nelle prime due settimane dall’intervento è inoltre sconsigliato eseguire lavori, anche domestici, che richiedono particolare sforzo, poiché lo sbalzo di pressione potrebbe pregiudicare il risultato finale dell’operazione. Sempre nelle prime due settimane è da evitare l’utilizzo di occhiali ed è consigliato non starnutire. In caso di starnuto bisogna tenere la bocca aperta ed evitare la fuoriuscita di aria e muco dal naso. E’ possibile lavarsi la testa, ma con acqua fredda.


Rinoplastica Bergamo, Varese, Cremona, Alba: costi

Il Dott. Orlandi esegue l'intervento di Rinoplastica a Bergamo, Varese, Cremona e Alba al costo di 5500 euro ed il prezzo è comprensivo di 1 notte di degenza presso Clinica Villa Letizia di Milano, anestesista, equipe chirurgica, visite pre e post operatorie 

Richiedi la tua promozione compilando il form di richiesta informazioni o chiamando il medico telefonicamente.

Scrivi al medico  Chiama il medico

Le Sedi

 
 

BERGAMO


Via Passo del vivione, 7
24125 Bergamo (BG)
Cell. Visualizza telefono

VARESE


Centro medico Beccaria
Via C. Marrone, 2
21100 Varese (VA)
Cell. Visualizza telefono

CREMONA


c.o poliambulatorio
S.Agostino
P.zza vida, 9
26100 Cremona (CR)
Cell. Visualizza telefono

ALBA (CN)


Via Ognissanti, 30
c.o. Poliambulatorio
Riva Rossa - Alba
Cell. Visualizza telefono

Richiedi informazioni